Sotto un cielo bianco

Sotto un cielo bianco

Anteprima Scarica anteprima

Nel 1962 la biologa Rachel Carson, considerata madre dell’ambientalismo, in Primavera silenziosa metteva in guardia il mondo contro l’uso di pesticidi, una clava contro gli esseri viventi. Oggi, sessant’anni dopo, nel bel mezzo dell’Antropocene, l’era geologica in cui la profezia dell’uomo dominatore «su tutta la terra e su ogni rettile che vi strisci sopra» si è fatta realtà, lasciare che la natura ripari sé stessa non sembra più un’opzione percorribile. Dopo La sesta estinzione che le è valso il Pulitzer, Elizabeth Kolbert riprende la parola con autorevolezza nel dibattito globale sul cambiamento climatico per analizzare da vicino alcune recenti, raffinatissime tecnologie messe in atto per invertire quella caduta verticale verso il disastro irreversibile. Partendo dunque dal presupposto che nemmeno l’immediata (e inattuabile) dismissione di secoli di progresso tecnologico ci restituirebbe ipso facto la natura, bisogna guardare con attenzione a tutti i tentativi di salvare il pianeta. Anche ai più stravaganti, anche a quelli più pericolosi. Perché, in effetti, il paradosso dell’Antropocene è la ricerca di soluzioni tecnologiche a problemi creati da chi cercava a sua volta soluzioni tecnologiche a problemi precedenti. Kolbert dunque incontra biologi che cercano di preservare il pesce più raro del mondo che vive in una minuscola pozza nel deserto del Mojave, ingegneri islandesi che trasformano l’anidride carbonica in roccia, ricercatori australiani che tentano di selezionare un supercorallo che sopravviva al mare troppo caldo e acido, genetisti che modificano specie animali per farle estinguere, fisici che progettano di sparare nella stratosfera microscopici diamanti che intercettino la luce solare, raffrescando la terra ma cambiando il colore del cielo. Sono diecimila anni che l’umanità si esercita a sfidare la natura, e se Kolbert nel libro precedente aveva esplorato i modi in cui la nostra capacità di distruzione ha rimodellato il mondo naturale, ora invita a concentrarsi sulle sfide che ci attendono. Anche se si tratta di fiumi elettrificati, di roditori e rospi “riprogettati”, di grotte finte, del cielo sopra le nostre teste che potrebbe diventare bianco.

«Non so come lei definirebbe ciò di cui si occupa. Io direi “l’impatto del genere umano sulla natura e il suo tentativo di controllarlo”. Ma questa definizione non le rende giustizia: Kolbert rende viva la sua materia con la capacità di raccontare storie, ritrarre persone». Bill Gates

«Sottile, intelligente. Kolbert, come un Virgilio caustico e malinconico, ci accompagna attraverso variegati inferni sterili, mostrando il lato ironico anche quando fa male». The Guardian

«Sotto un cielo bianco mescola con sapienza racconto di viaggio, approfondimento scientifico e giornalismo divulgativo. Kolbert scrive con l’autorevolezza di chi può ammettere l’ambiguità». The Washington Post

Dettagli libro

Sull'autore

Elizabeth Kolbert

Elizabeth Kolbert scrive di cambiamenti climatici e riscaldamento globale per il New Yorker, attività che le è valsa due National Magazine Award e il Blake-Dodd Prize dell’American Academy of Arts and Letters. Già autrice di Field Notes from a Catastrophe: Man, Nature, and Climate Change (2006), nel 2014 presso Neri Pozza è apparso il suo La sesta estinzione (vincitore del Pulitzer, beat 2016). Suoi contributi sono contenuti in Terra fragile (Neri Pozza 2021), raccolta di reportage del New Yorker sul cambiamento climatico. Tra i libri scelti da Obama, Sotto un cielo bianco è stato selezionato per il Wainwright Prize for Writing e come Libro dell’Anno da Washington Post, Time, Esquire, Smithsonian Magazine, Vulture, Publishers Weekly, Kirkus Reviews e Library Journal.

Ti potrebbe interessare