Viaggio in India in groppa al mio elefante
Viaggio in India in groppa al mio elefante

Viaggio in India in groppa al mio elefante

Ogni vecchia dimora inglese nasconde tra le sue mura qualche disegno, un dipinto o magari un’incantevole, polverosa illustrazione d’epoca co-loniale in cui è possibile contemplare l’intrepido esploratore che si avventura nel fitto della giungla minacciosa, oppure una gigantesca tigre del Bengala nell’atto di avventarsi con le fauci spalancate sui portatori atterriti, o un elefante imbizzarrito che devasta il campo di spedizione. Nel mettere in ordine qualche tempo fa la casa della nonna dopo la sua morte, Mark Shand scovò un disegno simile. Raffigurava un elefante maschio infuriato sul punto di caricare un piccolo mahout indiano. L’incanto fu così grande che Shand accarezzò per la prima volta l’idea di una pacifica passeggiata attraverso l’India in groppa a un elefante. L’idea, tuttavia, sarebbe rimasta nient’altro che un pensiero fugace, se qualche tempo dopo Shand non si fosse ritrovato a sfogliare un libro sull’India. Dalla pagina aperta ammiccava furbescamente un gentiluomo dalle lunghe basette con in capo uno sgargiante cappello piumato, seduto con nonchalance a cavalcioni di un elefante. Si trattava di Tom Coryat, l’eccentrico inglese che nel 1615 aveva raggiunto l’India per via di terra a piedi e, una volta al cospetto del Gran Mogol, aveva solennemente affermato: «Da quando sono arrivato in questa corte cavalco sempre un elefante, sì che ho concepito il proposito di far riprodurre un giorno (col favore di Dio) il mio ritratto, sul mio prossimo libro, in groppa a un elefante». Da quel momento, la prospettiva di vedere riprodotto su un libro il suo ritratto in groppa a un elefante divenne per Shand un’ossessione. Con o senza il favore di Dio, si imbarcò così un giorno per Delhi e, nei pressi di Daspalla, vide e comprò da un gruppo di mendicanti Tara, un’elefantessa che se ne stava addossata con noncuranza a un albero, l’incantevole posteriore squisitamente tornito in piena vista, come una prostituta a un angolo di una strada. Così ebbero inizio le peregrinazioni di Shand nel subcontinente indiano e le sue argute descrizioni di templi, villaggi, usanze che fanno di questo libro un affascinante racconto d’avventura e, al tempo stesso, un tenero romanzo d’amore. Lungo le strade che dal Golfo del Bengala portano a Sonepur, attraverso il Gange, fino al grande bazaar degli elefanti, Mark Shand infatti non soltanto apprende molti segreti dell’India rurale, di Ganesh, l’elefante dio, degli imponenti festival che scandiscono la vita dei villaggi, dell’esistenza di principi e mendicanti, poliziotti e prostitute, santoni e mercanti, ma si imbatte soprattutto in qualcosa di assolutamente inaspettato: nella constatazione che in India un inglese può innamorarsi del suo elefante, se l’elefante ha, come Tara, una personalità dolce, femminile e seducente.

«L’India in un viaggio che ci restituisce tutto il colore locale». Publishers Weekly

«Un racconto di viaggio e un memoir di grande intrattentimento». Amazon.com

«Shand trasforma in oro le sue esperienze, con la sua narrazione accattivante e un occhio infallibile nel cogliere i dettagli». Daily Telegraph

«Mark Shand scrive così bene che il suo racconto suscita gli stessi sentimenti dell’avventura: una grande aspettativa all’inizio e un profondo dispiacere alla fine del viaggio». Literary Review

Dettagli libro

Sull'autore

Mark Shand

Mark Shand è nato nel 1951 e ha trascorso la maggior parte della sua vita viaggiando. Ha percorso le Ande a cavallo, ha completato la gara motociclistica Londra-Sidney, è naufragato nel Pacifico occidentale nel tentativo di circumnavigare il globo, ha compiuto innumerevoli spedizioni nelle più remote regioni del Sud-Est asiatico. È autore di parecchi libri, tra cui Il fiume, il cane e il fumatore d’oppio (Neri Pozza 2003) e Queen of the Elephants, nominato per il Thomas Cook/Daily Telegraph Travel Book Award nel 1996. Con Viaggio in India in groppa al mio elefante, bestseller internazionale, ha vinto il British Book Awards Travel Writer of the Year.

Ti potrebbe interessare