Gli dei incatenati

Gli dei incatenati

Anteprima Scarica anteprima

Nella grande tradizione novecentesca degli studi sulla religione, Karl Meuli è certamente la figura più intrigante fra quante ci restano ancora da scoprire. Insieme filologo, etnografo e storico delle religioni, erede di Bachofen, di cui ha curato esemplarmente l’edizione delle opere, Meuli porta nelle sue ricerche la stessa originalità e la stessa profondità dell’autore del Matriarcato; ma in lui la vivacità dell’etnografo e l’intransigenza del filologo, sapientemente coniugate, intervengono ogni volta a illuminare e vivificare il chiaro-oscuro e la fascinazione mortuaria del maestro. E se per Bachofen il cardine stava nel simbolo, per Meuli invece essenziale nella fenomenologia della religione è tutto ciò che libera, non solo gli uomini, ma gli stessi dèi dai vincoli del destino e del mito. In questa chiave si possono leggere raccolti in questo libro i geniali studi sull’origine del carnevale e sullo charivari, fenomeni in cui l’ordine sociale è sovvertito da cima a fondo con una ferocia liberatoria di cui abbiamo perduto memoria e quelli, non meno innovativi, sulle maschere romane, sull’origine dei Giochi Olimpici e sugli dei incatenati, che gettano una luce insospettata sul mondo antico e sulle sue sopravvivenze nella modernità. Alla solidità del metodo e della documentazione fa ogni volta riscontro in Meuli una freschezza di scrittura come si trova di rado nella tradizione accademica.

«Uno charivari... vuole “l’annientamento della reputazione che comporta l’esclusione dell’interessato dal contesto sociale e civile”, dunque in certo modo niente meno che la messa al bando. Charivari è uno dei molti nomi, diversi a seconda dei paesi e dei contesti, che designano un atto arcaico e assai diffuso di giustizia popolare, il cui svolgimento si attiene ovunque a forme simili e ricorrenti».

Dettagli libro

Sull'autore

Karl Meuli

Karl Meuli (Märstetten, 1891 – Basilea 1968) insegnò a lungo nell’università di Basilea. Curatore delle opere di J. J. Bachofen, viene considerate uno dei più importanti etnologi e studiosi di storia delle religioni del secolo scorso. Tra le sue opere figurano: Odyssee und Argonautika (1920); Der griechische Agon (1928); Kalewala (1940); Die deutschen Masken (1943); Schweizer Masken (1943); Gesammelte Schriften (a cura di Th. Gelzer, 2 voll., 1975).

Ti potrebbe interessare