Da Piazza Maidan a Sebastopoli Viaggio nell'Ucraina divisa

Da Piazza Maidan a Sebastopoli

Viaggio nell'Ucraina divisa

Anteprima Scarica anteprima
Non tenterò di giustificare le pagine che seguono e tanto meno i sentimenti che mi hanno spinto a scriverle. La meravigliosa fragile vertiginosa rivoluzione di Maidan, i suoi eroi, giovani e anziani, i suoi quattrocento metri quadrati di passioni virtù estremismo impotenza illusioni coraggio preghiere amore… L’Ucraina mi ha impartito una lezione: la lezione dell’onore nascosto, della fraternità che non conosciamo, della bellezza che fiorisce nell’oscurità. Ahimè, non si può vincere l’Ingiustizia, non le si possono spezzare le reni. Tutti coloro che hanno tentato sono caduti in una ingiustizia più grande o sono morti disperati.. La tragedia ucraina non è la Crimea diventata russa, l’umiliazione dell’Occidente… La tragedia ucraina, il suo nucleo che cola sangue, è la brutale verità che cento giovani, in Europa, sono morti invocando l’Europa, sognando gridando sperando in quello che noi dovremmo essere e non siamo. Credevano nella nostra storia, nelle nostre costituzioni, nei nostri libri, nelle nostre promesse. E siamo soltanto il volto e le parole vuote di Barroso e Van Rompuy… (Dall’introduzione di Domenico Quirico)

Dettagli libro

Sull'autore

Domenico Quirico

Domenico Quirico è giornalista de La Stampa, responsabile degli esteri, corrispondente da Parigi e ora inviato. Ha seguito in particolare tutte le vicende africane degli ultimi vent’anni dalla Somalia al Congo, dal Ruanda alla primavera araba. Ha vinto i premi giornalistici Cutuli e Premiolino e, nel 2013, il prestigioso Premio Indro Montanelli. Ha scritto quattro saggi storici per Mondadori (Adua, Squadrone bianco, Generali e Naja) e Primavera araba per Bollati Boringhieri. Presso Neri Pozza ha pubblicato Il Grande Califfato, Il paese del male, Gli Ultimi. La magnifica storia dei vinti e Esodo. Storia del nuovo millennio, Ombre dal fondo.

Ti potrebbe interessare