Amore nero

Quando la protagonista atterra nel 1981 in Alto Volta, quello che oggi si chiama Burkina Faso, non è la prima volta che vede l’Africa. Ci è già stata in precedenza, e ora è tornata per salutare l’amico e batterista Azou. L’Africa da tempo le pare «una grande periferia dove si accumulano i materiali» del mondo che qui sono ancora mobili e non circoscritti, malleabili, carichi di potenzialità infinite e capaci di ricomporsi in infinite varianti. È una terra di sterminata savana e polvere rossa, dove i bambini stanno seduti a grappoli e le donne preparano insieme il tô, una sorta di polenta dura che è la base del pasto quotidiano. Ma anche una società che ha sempre sacrificato l’individuo a sé stessa, liquida, dove i rapporti fra uomini e donne, vecchi e bambini, scorrono come un flusso ininterrotto. La protagonista osserva tutto con l’occhio dell’antropologa, affascinata da quanto le sta intorno e dal proprio modo di reagire a quello, per farne poi un piccolo diario che, ritornata in Italia, affida alle mani di un grande editore. Il quale le conferma che sí, si tratta di un libro, un libro vero, e non solo di un diario senza pretese, e tale che, pubblicato nel 1984, vince nello stesso anno il Premio Viareggio Opera Prima. Neri Pozza ripropone oggi quel libro, l’esordio di Maria Pace Ottieri: un volume che contiene un mondo, narrato con una lingua attenta e precisa anche quando è metaforica, in cui lampi di riflessione e consapevolezza si fanno largo tra la fitta descrizione di paesaggi, avvenimenti, villaggi o città, cortili interni o chiese cattoliche. Una dichiarazione d’amore per l’Africa, racconto di un viaggio in quel vasto continente ma soprattutto di un modo di percepire l’altro, di entrare, col cuore prima che con la testa, nella sua cultura. Nelle parole dell’autrice stessa: «Li guardo vivere, mi piace cercare di capire dalle forme, come un disegno di cui si possano leggere solo i contorni, togliere ogni giorno sottili strati di mistero».

«Ho cominciato a scrivere per stupore, buttando giú la sera il diario di un viaggio insolito, sul portapacchi di una mobylette, un motorino, guidato da un amico musicista africano, un viaggio da Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, allora Alto Volta».

«Non si poteva dire meglio che questa Africa è anche “altra cosa”; cioè grandiosità, nobiltà, stranezza inesauribili della natura, avventura umana tra le piú complesse e poetiche». Alberto Moravia

Dettagli libro

Sull'autore

Maria Pace Ottieri

Maria Pace Ottieri vive e lavora a Milano. Scrittrice e giornalista, collabora con diverse testate. Con il suo esordio ha vinto il Premio Viareggio Opera prima nel 1984, mentre da Quando sei nato non puoi piú nasconderti Marco Tullio Giordana ha tratto un film, premiato con il Nastro d’Argento nel 2005. Fra le opere piú recenti, si segnala Abbandonami (Premio Grinzane Cavour 2005). Il suo ultimo libro è Amor di gloria (2021).